LEGO Education

Costruire e conoscere

LEGO Education nasce all’interno del LEGO Group, dopo 80 anni di ricerca su come gli studenti acquisiscono nuove conoscenze, giocando e manipolando oggetti fisici e digitali. La loro idea di apprendimento tiene conto delle “4C” (Connect, Construct, Contemplate, Continue) e intercetta l’interesse di discipline umanistiche e STEM.

Fare è pensare

Ogni compito di LEGO Education prevede la partecipazione attiva degli utenti, la sperimentazione del materiale e la costruzione di manufatti. Quest’attività manuale contribuisce a stimolare le menti degli utenti, a migliorare la qualità dell’apprendimento, rendendolo significativo. Ogni utente costruisce artefatti, si muove per prove ed errori, impara attraverso il fare e ri-tara le sue successive azioni sulla base di quanto appreso. Parallelamente a questo processo, costruisce la conoscenza nella sua mente.

Co-conoscere

Costruire con gli altri permette di mettere in circolo le proprie conoscenze e di ampliare le proprie opportunità di apprendimento. La cooperazione aziona un dialogo produttivo che si basa sulla condivisione delle idee e sulla negoziazione dei differenti punti di vista. Ciò ci rende coscienti dell’importanza dell’altro e della collaborazione al fine di completare e sviluppare la nostra conoscenza.

Imparare a imparare

Ogni compito di LEGO Education si presenta come una sfida e attiva gli utenti nella ricerca attiva di soluzioni. Questo comporta una prima fase all’interno della quale gli utenti sono stimolati a chiedere domande e a esplorare idee e possibilità inerenti al compito che devono cominciare. Ogni compito LEGO termina con un nuovo compito che permette di utilizzare quanto si è già appreso, continuando ad imparare. La conoscenza permette di produrre nuova ulteriore conoscenza in un continuo ciclo ricorsivo.

Giocare

LEGO Education struttura le sue attività cercando di far raggiungere a ogni utente uno stato di Flusso, ossia di profondo coinvolgimento, di curiosità e di motivazione intrinseca che scaturisce da un equilibrio tra la sfida del compito e le abilità del giocatore, in maniera tale che l’attività non sia nè troppo facile nè troppo difficile. Il pieno coinvolgimento dell’utente consente di stimolare completamente l’utente e di azionare un processo di apprendimento maggiormente significativo.